Come navigare in internet da terminale

Immagino che stiate leggendo questo articolo usando un browser come Firefox o uno dei tanti basati su Chrome, come Brave.

In altre parole state navigando in rete con un browser grafico. In passato invece si usava il terminale per recuperare informazioni e navigare, perché fondamentalmente era quasi tutto in formato testuale.

Anche se ormai non si può più ottenere tutto il necessario da terminale, c'è ancora la possibilità di usare un browser a riga di comando per consultare informazioni testuali e per aprire pagine web dal terminale Linux.

Anche quando si è connessi ad un server remoto o confinati in una macchina senza GUI un browser testuale può rivelarsi utile.

In questo articolo quindi sono elencati alcuni browser per il terminale da provare su Linux.

I migliori browser testuali per Linux

Nota: l'ordine di questa lista non ha significato

1. W3M

Google in w3m Google in w3m (Autore: Ankush Das , It's FOSS CC BY-SA )

w3m è un famoso browser testuale per il terminale. Anche se il progetto originario non è più sviluppato, una versione è mantenuta viva da uno sviluppatore diverso, Tatsuya Kinoshita.

w3m è abbastanza semplice, supporta connessioni SSL, colori e anche immagini. Ovviamente potreste avere dei risultati diversi dai miei, ma da una mia prova veloce sembra non essere in grado di caricare DuckDuckGo, mentre Google funziona perfettamente. (N.d.T.: sulla mia macchina anche DuckDuckGo funziona senza problemi)

Per una pagina d'aiuto basta scrivere w3m nel terminale. Se siete curiosi potete anche dare un'occhiata al codice su GitHub.

Come installare e usare w3m?

W3M è disponibile per la maggior parte delle distro Debian-derivate. Per distro Arch-derivate potete controllare l'AUR se non è disponibile direttamente (N.d.T.: Arch puro ha il pacchetto nel repository extra, default).

Per Ubuntu, si può installare digitando:

$ sudo apt install w3m w3m-img

Questo installa il pacchetto w3m insieme al pacchetto che supporta la resa delle immagini. Dopodiché si può semplicemente eseguire:

$ w3m xyz.com

Ovviamente rimpiazzate xyz.com con un sito qualsiasi di quelli che volete visitare/provare. Infine è importante conoscere come usare i tasti di navigazione. Si usano le frecce per spostarsi e Invio per iniziare un'azione.

Per uscire si può premere Shift+q e per andare indietro Shift+b. Ulteriori scorciatoie sono Shift+t per aprire una nuova scheda e Shift+u per aprire un nuovo URL.

Per scoprirne di più si può anche leggere la pagina di man.

2. Lynx

Google in Lynx Google in Lynx (Autore: Ankush Das , It's FOSS CC BY-SA )

Lynx è un altro browser testuale che si può provare. Di solito i siti che funzionano con Lynx tendono ad essere di più, per cui è indubbiamente migliore su questo aspetto. Sono riuscito a caricare DuckDuckGo e a farlo funzionare. (N.d.T.: vero, ma anche w3m funzionava).

Inoltre ho notato si possono accettare o rifiutare i cookie quando si accedono varie risorse in rete. Si può anche decidere di accettarli o negarli sempre, per cui questo è un aspetto positivo.

D'altra parte però il contenuto non è riscalato bene alla dimensione della finestra. Non ho cercato soluzioni al problema, potreste volerlo fare voi. Ad ogni modo funziona alla grande e tutti i comandi sono mostrati in bella vista appena lanciato nel terminale.

Notate che il tema del programma non è abbinato al tema del vostro terminale, quindi i colori saranno diversi da quello del vostro tema.

Come installare Lynx

Diversamente da w3m esistono anche dei binari Win32 se foste interessati. Su Linux è invece disponibile nella maggior parte dei repository default.

Per Ubuntu, basta digitare:

$ sudo apt install lynx

Per cominciare basta eseguire il comando seguente:

$ lynx sitoesempio.it

Qui basta sostituire il sito d'esempio con la risorsa che si vuole visitare.

Se si vogliono informazioni sui pacchetti nelle altre distro, potete trovare delle informazioni sul sito ufficiale.

3. Links2

Google in Links2 Google in Links2 (Autore: Ankush Das , It's FOSS CC BY-SA )

Links2 è un browser testuale interessante nel fatto che si può usare facilmente grazie alla sua buona esperienza utente. È dotato di un'interfaccia curata per inserire l'URL, che poi provvede a lanciare.

Modulo per l'URL Modulo per l'URL (Autore: Ankush Das , It's FOSS CC BY-SA )

Da notare che il tema in questo caso è abbinato a quello del terminale (qui è impostato "nero-verde"). Una volta lanciato si può premere il tasto g per ottenere il modulo per inserire l'URL, o q per uscire. Funziona abbastanza bene e renderizza il testo della maggior parte dei siti.

A differenza di Lynx non si ha la possibilità di accettare/rifiutare i cookie, ma a parte quello funziona bene.

Come installare Links2

Come ci si potrebbe aspettare, lo troverete nella maggior parte dei repository default. Per Ubuntu si può installare digitando il seguente comando:

$ sudo apt install links2

Per le altre distro ci si può rivolgere al sito e alla documentazione ufficiale.

Google in eLinks Google in eLinks (Autore: Ankush Das , It's FOSS CC BY-SA )

eLinks è simile a Links2, ma non è più mantenuto. Si trova ancora in vari repository default, per questo motivo è in lista.

Non si fonde con il tema del terminale di sistema. Per cui potrebbe non essere una buona esperienza non avendo un "tema scuro".

Su Ubuntu si installa facile. Si digita:

$ sudo apt install elinks

Per le altre distro dovreste riuscire a trovarlo nei repository ufficiali. Altrimenti potete riferirvi alle istruzioni di installazione ufficiali se non lo trovate.

Tradotto da 4 Best Terminal Browsers for Linux Command Line, It's FOSS.
Licenza CC BY-SA 4.0

Vuoi lasciare un commento?

Se vuoi farmi sapere cosa pensi dell'articolo, contattami via email!